THIERRY MUGLER: COUTURISSIME

Abiti come sculture, il corpo femminile trasformato in insetti variopinti, auto americane anni ’50, sensuali robot avvolti da metallo e vinile: look definiti body conscious, il corpo femminile sublimato diviene oggetto di trasformazione e metamorfosi.

Questo l’intento del più visionario couturier (ma anche ballerino, fotografo, profumiere) degli anni ’70/’80, Thierry Mugler. Nato a Strasburgo nel 1948, ha l’ambizione di diventare ballerino quindi si trasferisce a Parigi per studiare danza a livello professionale; appassionato anche di moda e immagine, diviene vetrinista e comincia a progettare abiti per hobby. La sua prima collezione è del 1973, “Cafè de Paris”, e nel 1975 nasce il suo brand. Da quel momento e fino al 2003, quando deciderà di ritirarsi dal mondo del fashion, la sua strada professionale è costellata di capolavori d’arte sartoriale, visionaria, eclettica e trasgressiva. Le sue opere erano gioielli indossati dalle più importanti dive dello spettacolo; tra le sue creazioni più iconiche ricordiamo i corsetti indossati da Madonna durante i suoi concerti e gli abiti di Sharon Stone.

 

Sharon Stone                                                  Madonna

Il Museum de Fine Arts di Montréal gli dedica finalmente la prima retrospettiva mondiale, un percorso concepito come un’opera in sei atti; le gallerie ospitano 140 tra i suoi abiti più famosi realizzati dal 1973 al 2001,ma anche accessori, costumi teatrali,video, filmati, una vasta gamma di documenti e bozzetti inediti.
Dal 2003, anno in cui Thierry Mugler abbandona le scene, il suo estro creativo si concentra sui profumi; realizza fragranze uniche, partendo spesso da materie prime davvero rare. Anch’essi, come la sua moda, divengono così pura magia.

Thierry Mugler, Jerry Hall, Collezione Les Insectes, 1997

 

Thierry Mugler, Yasmine Le Bon, collezione Le Chimère, 1997

 

Thierry Mugler, Linda Evangelista sul set del video “Too Funky” di George Michael, 1992

 

MMFA Montréal, 2 marzo 2019 – 8 settembre 2019

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *