Storia della seduzione: il tacco

Strumento di seduzione fra i più amati, i tacchi fanno parte della nostra quotidianità ma anche del nostro immaginario. Quale donna, fin da bambina, non ha mai sognato di indossare una scarpa delicata e preziosa come quella di Cenerentola?
O immaginato di calzare un paio di Manolo Blahnik che costano quanto un anno di stipendio?
Ma qual è la storia i questi irrinunciabili simboli di femminilità?

Pare che già gli antichi egizi indossassero i tacchi,anche se per finalità pratiche e non di seduzione, come pure le donne cretesi; le matrone greche e romane invece, per sembrare più alte, adottavano una sorta di maxi plateau, un rialzo che copriva tutta la superficie della suola.
Ma la data che pare più probabile come primo esempio di calzatura femminile con tacco è quella del 1533, quando Caterina De Medici scelse un paio di scarpe con rialzo per sposarsi a Parigi con il Duca D’Orleans.

 

In generale il tacco è sempre stato simbolo di autorità, ricchezza e prestigio; niente di nuovo quindi nell’uso feticista che molte star dello spettacolo fanno delle scarpe, specie se firmate dal già citato Manolo Blahnik, da Jimmy Choo o da Louboutin, che ha riportato in auge la seduzione del tacco rosso (il primo fu Luigi XIV che ne fece il simbolo del suo potere)

Il primo che fece sognare le star di Hollywood come quelle di casa nostra fu però Salvatore Ferragamo che, già nel 1923, aveva come sue clienti Jean Harlow, Gloria Swanson, Joan Crawford. E fu lui che nel 1938, in piena crisi e a causa (o grazie) alla carenza di materie prime, inventò la prima zeppa in sughero, divenuta da allora un must.

 

Altra svolta epocale è stata l’invenzione dello “stiletto” o tacco a spillo, che risale agli anni ’50; il primo paio di scarpe con il tacco di questo tipo fu realizzato da Roger Vivier per Dior

 

Oggi le proposte di seduzione sono molto ampie, anche se la creatività rasenta la bizzarria, come i “coup de théatre” delle passerelle per questa primavera/estate

Puma                                Hekmut Lang                              Prabal Gurung

 

Per fortuna il buon gusto e la raffinatezza ci riportano a proposte decisamente più desiderabili

Ferragamo                                               Valentino                                        Versace

 

Un mondo affascinante, variegato e pieno di contraddizioni quello delle scarpe, ma tant’è: basta un paio di tacchi per far sentire subito una donna più bella e sicura di sé. Come diceva Marilyn ” I tacchi alti fanno diventare una donna il 25% più dominante, il 50% più sicura di se stessa e il 100% più sexy”.

 

(Immagine di copertina: Salvatore Ferragamo nel suo atelier)

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *